Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Tasse sulla casa: se il quartiere diventa bello si paga di più

18/12/2016

Mettiamo il caso d'aver acquistato una casa lontana dal centro città, in una zona non servita dai mezzi pubblici e con pochi negozi nei dintorni. Ora, immaginiamo che, con il tempo, il nostro Comune di residenza abbia riqualificato questa zona, costruendo stazioni della metro, negozi, giardinetti e installando un nuovo impianto d'illuminazione pubblica. La nostra casa immaginaria si trova ora in un bel quartiere residenziale dove tutti vogliono abitare e questo, ha fatto si che il suo valore sia decisamente aumentato: peccato che lo siano anche le tasse sulla casa che da questo momento in poi andremo a pagare.

Il calcolo dell'ammontare delle tasse da pagare infatti, viene effettuato dall'Agenzia delle Entrate sul valore oggettivo dell'immobile in questione, valore, che potrebbe aumentare, come accennato nell'esempio precedente, se si trova in un quartiere che con il tempo ha subito degli "abbellimenti". Questo, porta la nostra casa ad essere sottoposta a quel processo definito "riclassamento".

Ma, andiamo con ordine. 

Tasse sulla casa e valore dell'immobile, come opporsi al riclassamento del fisco

Quindi, ricapitolando, le tasse sulla casa vengono calcolate dall'Agenzia delle Entrate in base al valore di questa ma, quali sono i fattori che possono far aumentare e diminuire il valore di un immobile? Decisamente, il più importante è la centralità o l'evoluzione della zona in cui questo è situato che, porta in automatico un incremento di pregio anche alle varie unità immobiliari: a meno che, il proprietario non dimostri il contrario.

Di fronte ad una probabile riclassificazione del valore della nostra casa da parte dell'Agenzia delle Entrate, non ci resta altro da fare che dimostrare il suo "basso valore", presentando prima di tutto delle prove dell'invecchiamento di questo - che siano dovute al tempo o alla cattiva o poca manutenzione non importa - e poi, magari, puntare esclusivamente su fattori "estetici", provando, per esempio, che le rifiniture della nostra abitazione sono nettamente inferiori a quelle di tutto il circondario.

Questo è l'unico modo per provare al fisco che l'evoluzione complessiva del quartiere non ha influito in alcun modo sul valore del nostro immobile, decisamente più basso rispetto a quelli di nuova o recente costruzione e quindi, non passibile di un aumento dell'ammontare delle tasse.