Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Acquisto casa; se i dati non coincidono vale il contratto o la planimetria?

14/09/2020

Qualche volta, può capitare ed è capitato, che all'atto della stipula del contratto di compravendita di beni immobili vengano commessi degli errori, inerenti per esempio alla grandezza dell’immobile oppure, alla registrazione della vendita di una parte del fabbricato in questione, che nelle planimetrie può risultare effettuata mentre, la descrizione dell'immobile presente nell'atto di vendita, non ne presenta alcuna menzione.

Cosa prevede la legge in questi casi? 

Acquisto casa, e il ruolo chiave della planimetria 

A dare una risposta a questa domanda ci ha pensato ancora una volta la Corte di Cassazione che, nella sentenza n. 26609/2016., pur riconoscendo al giudice in questione la piena libertà d'azione "caso per caso", ha sottolineato l'importanza rivestita dalla planimetria in tale processo decisionale.

La planimetria, raffigurazione dell'immobile oggetto di compravendita, viene intesa come parte integrante della dichiarazione di volontà dei due contraenti e quidi, mezzo indispensabile per l'interpretazione del contratto stesso. Se per esempio, all'interno del contratto non vi è alcun riferimento ad una parte dell'immobile, che invece, nella planimetria viene contrassegnata come venduta, le informazioni in questa contenute assumono valore, e vanno ad integrare quelle presenti nella descrizione dell'immobile riportate nel contratto d'acquisto. 

Quindi, ricapitolando, nel caso d'incongruenza tra le notizie riportate all'interno dell'atto di vendita di un immobile e quelle della planimetria, i due documenti vanno ad integrarsi l'uno con l'altro, a patto che la seconda, sia stata ufficialmente allegata al primo, o in esso citata come riferimento, in caso contrario infatti, la planimetria perde ogni suo valore (Cass. sent. n. 26366/2016.)

Resta comunque intatto ogni caso il potere decisionale del giudice, che è libero di risolvere il contrasto tra le parti, in base ad un attento ed accurato esame del contratto nella sua totalità.