Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Come funziona il sisma bonus per gli immobili commerciali?

11/12/2019

 

Il Sisma Bonus consente di accedere ad una detrazione fiscale, sui costi sostenuti per i lavori edilizi effettuati per rendere gli edifici antisismici. Possono accedere al bonus sia i proprietari di immobili commerciali e/o adibiti ad attività produttive, sia i proprietari di abitazioni residenziali. E ancora, il bonus può essere richiesto per tutto il 2020, ed è possibile accedervi sia per i lavori effettuati sulle prime che sulle seconde case e le parti di condomini.  Entriamo nel dettaglio. 

Come funziona il Sisma Bonus

Con la Legge di Bilancio 2020 saranno introdotte diverse novità relative a questo bonus, vediamo quali:

  • detrazione del 100% per le spese di diagnosi sismica degli immobili;
  • estensione dell’agevolazione ai capannoni e alle imprese;
  • detrazione prevista anche per le spese di certificazione statica effettuate da professionisti;
  • unione di Ecobonus e sisma bonus, per permettere ai condomini di aprire un unico cantiere.

Per gli edifici situati nelle zone di rischio 1 e 2, ovvero ad altissimo rischio sismico, i costi delle spese sostenute per l’adeguamento antisismico, è prevista una detrazione del 50%, per un massimo di 96 mila euro, da ripartire in 5 quote annuali dello stesso importo.

Se a seguito dei lavori l'edificio passa ad una classe di rischio inferiore, chi effettua i lavori ha diritto  ad una detrazione delle spese pari al 70%, mentre per chi riduce la propria classe di rischio di 2 punti accede ad una detrazione all’80%.

I condomini potranno approfittare di una detrazione del 75% per il passaggio a una classe di rischio inferiore e dell’85% se invece si passa a due.