Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Mercato immobiliare Napoli: l'analisi di Nomisma

12/08/2019

Il mercato immobiliare di Napoli è stato uno dei più reattivi al trend positivo, che in questi ultimi anni ha attraversato l'intero paese. Ad oggi, il comparto residenziale della città continua ad essere caratterizzato da una crescita transattiva, attestata allo +5,9%, con un totale di 7.600 transazioni. Questo quanto emerso dall'analisi del 2° osservatorio immobiliare di Nomisma 2019.

Vediamo i dati nel dettaglio.

Analisi del comparto residenziale del mercato immobiliare napoletano

I valori del mercato delle abitazioni nella città di Napoli hanno fatto registrare una diminuzione nel primo semestre 2019, rispetto ai dati registrati l'anno precedente: -0,6% su base annua per le nuove; -0,8% su base annua per le usate. Di contro, le variazioni hanno confermato un lieve miglioramento delle quotazioni registrate nello stesso periodo, +0,2% per le nuove; +0,5% per le usate, concentrate principalmente che nelle zone centrali e semicentrali della città.Per quanto riguarda le quotazioni delle abitazioni usate, il valore medio si attesta intorno ai 1.778 €/mq, che toccano i 4.700€/mq nelle zone di pregio della città. Il prezzo medio di vendita delle abitazioni nuove invece, si aggira intorno ai 2.196 €/mq,  con un massimo di 5.300 €/mq.

Dal canto delle locazioni invece, una maggiore dinamicità del mercato è stata registrata, sempre nello stesso periodo, nelle zone del centro e nei quartieri di pregio della  città di Napoli. Stando ai dati riportati nell'Osservatorio curato da Nomisma, i tempi medi di locazione si aggirano intorno ai 4 mesi, mentre i rendimenti lordi della locazione sono consolidati intorno al 5,1%.

Stando al parere degli operatori del settore, nel mercato residenziale napoletano a farla da padrone è la domanda di acquisto rispetto a quella di locazione, che riguarda il 60% dei contratti stipulati tramite agenzia. A spingere all'acquisto il 66% dei compratori è prima di tutto la volontà di andare "ad abitare" nella nuova casa e, a seguire, troviamo l'acquisto per investimento e l'acquisto di una seconda casa. La domanda di locazione invece rappresenta il 40% di tutti i contratti stipulati tramite agenzia, e per più della metà risultano essere a libero mercato mentre, per il 36%, sono a canone concordato.

Analisi del comparto non residenziale del mercato immobiliare napoletano

Il mercato non residenziale della città di Napoli risulta essere meno performante di quello residenziale, anche in questo primo semestre 2019.  Una flessione dei prezzi è stata registrata da Nomisma in tutte le zone della città, portando le quotazione ad aggirarsi intorno ai 3500 €/mq nel centro della città, e a scendere intorno ai 1800€/mq nella periferia terziaria.

Per quanto riguarda i negozi, le flessioni di prezzo più rilevanti sono state registrate in periferia, con -1,2% su base annua mentre, nel centro di Napoli, i prezzi hanno visto un'aumento dell'1,1%, attestandosi intorno ai 5.400€/mq in centro e 3.290 €/mq nel semicentro. Diminuiscono anche i tempi medi di vendita rispetto all'anno precedente.

Secondo gli operatori del settore il mercato e l'offerta fanno percepire una certa stabilità, a fronte di una domanda dinamica concentrata, soprattutto, nel comparto commerciale. D'altro canto, il mercato è caratterizzato da una flessione dei canoni d'affitto seppur contenuta, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. I rendimenti medi annui, sia per quanto riguarda gli uffici che i negozi, risultano stabili, e si attestano rispettivamente intorno al 5,5% e al 6,9%.