Ricerca immobili

newsletter

Per essere sempre aggiornato sulle notizie

dal mondo immobiliare.

Quando si può vendere o affittare la prima casa?

03/10/2018

Mettiamo in caso, che si sia acquistata una casa usufruendo del bonus prima casa neanche due anni fa e che, un inatteso parto gemellare l'abbia resa troppo piccola, pensando a lungo termine. Oppure, mettiamo in caso che, il quartiere dov'è sita l'abitazione sia diventato malfamato, e non più adatto ad una coppia che sta pensando di mettere su famiglia. Mettendo in conto questi e tanti altri imprevisti, che possono tranquillamente capitare a chiunque, una domanda nasce spontanea: si puoi vendere la casa, acquistata da poco usufruendo del bonus prima casa, senza andare incontro a guai con la legge? La risposta è si, ma solo a specifiche condizioni.

Quando si può vendere la prima casa acquistata con il bonus?

Per ottenere l'agevolazione fiscale per l'acquisto della prima casa è necessario rispettare alcune condizioni:

  • la casa da acquistare non deve appartenere alle categorie catastali A/1, A/8, A/9, ossia quelle delle case di lusso o uffici, la categoria A/10
  • deve essere ubicata nel Comune in cui l’acquirente ha già la residenza, oppure dove la stabilirà nel termine di 18 mesi 
  • nel Comune in cui l’acquirente svolge la propria attività di lavoro o di studio, oppure nel Comune dove ha la residenza il datore di lavoro dell’acquirente, se si tratta di un acquirente trasferito all’estero per lavoro; o anche in qualsiasi Comune italiano, nel caso di acquirente cittadino italiano emigrato all’estero, che non possegga altre case sul territorio italiano
  • L'acquirente non deve inoltre essere titolare esclusivo, o in comunione con il coniuge, di altra casa ad uso residenziale sita nel territorio del Comune, in cui è situata la casa oggetto di acquisto;

e, dulcis in fundo, non deve vendere la casa acquistata usufruendo dell'agevolazione, prima del decorrere dei 5 anni. In caso contrario, i benefici fiscali saranno annullati e bisognerà versare al fisco le imposte, che al tempo non sono state versate, più una sanzione pari al 30% del totale da versare.

Di certo parliamo di una bella somma, ma esiste un'alternativa onde evitare di ricorrere in sanzioni: entro un anno dalla vendita della prima casa è necessario comprare, o divenire proprietario tramite donazione di un altro immobile, da adibire in tempi brevi ad abitazione principale. Affinché la trattativa abbia valore legale, c'è però bisogno che entro l'anno venga firmato il compromesso.

Bonus prima casa, è possibile affittare la casa acquistata?

Se per quanto riguarda la vendita esistono tempi da rispettare e sanzioni da evitare, diverso discorso vale invece per l'affitto. Stando a quanto dichiarato dall'Agenzia delle Entrate, nella circolare n.1/E del 2 marzo 1994, il contribuente che ha acquistato casa usufruendo del bonus è libero di darla in affitto, senza incorrere nella decadenza dei benefici fiscali.

L'affitto infatti non comporta la perdita della proprietà, e quindi non costituisce causa di decadenza dalle agevolazioni.